I funerali ad Amatrice. «Non uccide il terremoto, ma le opere dell'uomo»

Pubblicata il: 30/08/2016
I funerali ad Amatrice. «Non uccide il terremoto, ma le opere dell'uomo»
Fonte: WWW.AVVENIRE.IT

242 cognomi e nomi, in ordine alfabetico. Li ha scanditi il vescovo di Rieti, Domenico Pompili, all'inizio dei funerali solenni delle vittime del terremoto celebrati ad Amatrice, la cittadina che con 231 morti ha pagato il più alto tributo al sisma del 24 agosto. Sotto le due tensostrutture allestite nel cortile del complesso Don Monizzo le bare erano 28, provenienti da Rieti. Due le bare...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK