Non si ferma la repressione in Turchia

Pubblicata il: 1/09/2016
Non si ferma la repressione in Turchia
Fonte: WWW.PANORAMA.IT

È salito a 80 mila il numero di dipedenti pubblici licenziati in Turchia a seguito dell'ondata repressiva scatenata dal governo turco per smantellare la rete golpista di Fetullah Gulen: soldati, alti ufficiali, generali (almeno 200), membri della polizia di Stato, insegnanti, docenti e rettori universitari, funzionari del ministero dell'Educazione e della Giustizia, giudici e procuratori,...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK