"Paul Eluard si sentì solitario, oscuramente solitario, come un abbandonato esploratore cieco. Non..."

Pubblicata il: 13/09/2016
"Paul Eluard si sentì solitario, oscuramente solitario, come un abbandonato esploratore cieco. Non..."
Fonte: AT67.BLOGSPOT.IT

“Paul Eluard si sentì solitario, oscuramente solitario, come un abbandonato esploratore cieco. Non conosceva nessuno, non gli si aprivano le porte. Gli cadde addosso la vedovanza; si sentiva lì solo e senza amore. Mi diceva: «Abbiamo bisogno di vedere la vita in compagnia, di partecipare a tutti i frammenti della vita. È irreale, è criminale la mia solitudine». Chiamai i miei amici e lo...

Continua a leggere
Notizie correlate
  • La vita felice - Elena Varvello

    Pubblicata il: 13/09/2016
    Einaudi, 2016 - Un figlio, Elia, che dopo trent'anni trova finalmente la forza per raccontare le colpe di un padre che, ossessionato dall'idea della produttività, scivola inesorabilmente nella spirale ... Continua a leggere
  • La luce dell' Amore - di Mary Balogh

    Pubblicata il: 13/09/2016
    2° Libro della Serie "Survivors' Club " Titolo: " La luce dell'Amore " Titolo Originale: "The Arrangement" Autore : Mary Balogh Editore : Mondadori Collana : Oscar Bestsellers Emozioni Pagine : 404 An ... Continua a leggere
  • Golden Cosmos, illustratori

    Pubblicata il: 13/09/2016
    GOLDEN COSMOS . è il nome dello studio, di base a Berlino, dei due illustratori Doris Freigofas e  Daniel Dolz entrambi classe 1983. Hanno lavorato tra gli altri per  The New York Times , Washington P ... Continua a leggere
Commenta
FACEBOOK