Due note junghiane su “Lo chiamavano Jeeg Robot

Pubblicata il: 27/09/2016
Due note junghiane su “Lo chiamavano Jeeg Robot
Fonte: BEIZAUBEREI.WORDPRESS.COM

  Nella lettura delle favole che offre la psicologia analitica, l’armamentario ermeneutico utilizzato è quello proprio dell’interpretazione dei sogni, pur tenendo conto dell’aspetto collettivo che le connota. La fiaba spesso e volentieri, con il suo esito didascalico, con la sua morale finale è rappresentabile dunque come uno spicchio del processo di individuazione del soggetto – […]

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK