Mario Fortunato: Pier, Filippo e io

Pubblicata il: 29/09/2016
Mario Fortunato: Pier, Filippo e io
Fonte: LETTERATURA.RAI.IT

Una sera dei primi anni ottanta nel giardino di una villa romana in festa Mario Fortunato incontra Pier Vittorio Tondelli. Si ritrovano seduti su due sedie a sdraio; Fortunato nota che Tondelli è più alto di lui di almeno venti centimetri e lo invidia per l’altezza che lo rende visibile a tutti (scoprirà poi che l’altro invidia lui per il fatto di essere piccolo di statura e di non...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK