Vivere, fotografare e morire ad Aleppo 

Pubblicata il: 30/09/2016
Vivere, fotografare e morire ad Aleppo 
Fonte: WWW.INTERNAZIONALE.IT

In cinque anni ha conosciuto una tragedia dopo l’altra: la prigione del regime poi quella del gruppo Stato islamico (Is), la morte dei genitori durante un raid aereo, l’assedio della sua città, Aleppo, la fame e l’inferno dei bombardamenti. Malgrado questo, il corrispondente dell’Afp Karam al Masri, fotografo e videomaker che vive nella parte della città controllata dai ribelli,...

Continua a leggere
Notizie correlate
  • I diversi volti della crisi in Venezuela

    Pubblicata il: 30/09/2016
    Due diapositive contrapposte. La prima, di archivio: il presidente del Venezuela e leader della rivoluzione bolivariana, Hugo Chávez, che fiero di sé si fa largo durante l’ennesimo bagno di folla. La ... Continua a leggere
    Fonte: www.t-mag.it
  • Comincia il festival

    Pubblicata il: 30/09/2016
    Comincia oggi il festival di Internazionale a Ferrara. L’appuntamento è alle 10.30, al cinema Apollo, per la consegna del premio Anna Politkov­skaja. Internazionale, in collaborazione con Arci naziona ... Continua a leggere
  • “Low End Theory”, ATCQ: 25 anni dopo

    Pubblicata il: 30/09/2016
    A Tribe Called Quest. “Low End Theory”. Venticinque anni fa, già (il disco usciva esattamente il 24 settembre 1991, quindi siamo proprio in zona ricorrenze e festeggiamenti: come ad esempio ha fatto X ... Continua a leggere
Commenta
FACEBOOK