Tra casa e palcoscenico: viaggio nelle residenze teatrali milanesi

Pubblicata il: 2/10/2016
Tra casa e palcoscenico: viaggio nelle residenze teatrali milanesi
Fonte: MILANO.CORRIERE.IT

Un letto a Figino in cambio di una coreografia. Un pasto al Gratosoglio per un monologo. Una notte in ostello all’ex Paolo Pini per un debutto. Si dice residenza, si legge: area protetta per artisti. Quella dove si crea, senza preoccuparsi dell’affitto della sala, della paga del tecnico, del debutto che incombe. I teatri, meglio chiamarli factory , offrono spazi, vitto e alloggio ai...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK