Il testamento di Caprotti: “Esselunga non diventi Coop”

Pubblicata il: 7/10/2016
Il testamento di Caprotti: “Esselunga non diventi Coop”
Fonte: WWW.FOODWEB.IT

LaRepubblica ha pubblicato oggi il testamento che Bernardo Caprotti aveva firmato il 9 ottobre del 2014 davanti al notaio Carlo Marchetti. Oltre a indicare i beneficiari di soldi, case, quadri, azioni e altri beni, Caprotti  spiega quale futuro vuole per Esselunga . IL FUTURO DELL’AZIENDA – Scrive Caprotti:  “Sto dotando

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK