Torino, Eco inedito raccontato dagli amici a Portici di Carta: spunta anche una canzone

Pubblicata il: 8/10/2016
Torino, Eco inedito raccontato dagli amici a Portici di Carta: spunta anche una canzone
Fonte: TORINO.REPUBBLICA.IT

Durante le lezioni non prendeva appunti ma disegnava fumetti al modo di Jacovitti, alla maturità prese 'Discreto', e quando decise di iscriversi a Filosofia sua madre chiese al compagno di banco del liceo di convincerlo a fare Legge per paura che fosse destinato a "morire di fame". E' un Umberto Eco davvero intimo, di chi lo conosceva a partire dai banchi di scuola al Liceo Ginnasio Plana di.

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK