Secondo le indiscrezioni, il 14 ottobre il Cda di Mps ancora presieduto dal dimissionario Tononi, deve decidere sul possesso dei requisiti da parte di Morelli

Pubblicata il: 10/10/2016
Secondo le indiscrezioni, il 14 ottobre il Cda di Mps ancora presieduto dal dimissionario Tononi, deve decidere sul possesso dei requisiti da parte di Morelli
Fonte: WWW.AFFARITALIANI.IT

Il mandato di Marco Morelli, chiamato a realizzare un aumento di capitale da 5 miliardi per Mps, con Jp Morgan global coordinator, potrebbe durare meno del previsto. Il banchiere romano non sembra avere i requisiti di indipendenza e correttezza richiesti dall'articolo 26 del Testo unico bancario e dalla procedura "fit and proper" della Bce. Lo ha scritto Il Fatto Quotidiano aggiungendo che il 1

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK