Canto della mia nudità

Pubblicata il: 18/10/2016
Canto della mia nudità
Fonte: CANTIEREPOESIA.WORDPRESS.COM

Guardami: sono nuda. Dall’inquieto Languore della mia capigliatura Alla tensione snella del mio piede, io sono tutta una magrezza acerba inguainata in un color avorio. Guarda: pallida è la carne mia. Si direbbe che il sangue non vi scorra. Rosso non ne traspare. Solo un languido Palpito azzurrino sfuma in mezzo al petto. Vedi come […]

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK