L'ad ENI ha anche indicato alla sua squadra di esplorazione di concentrarsi su obiettivi vicini ad aree in cui ENI era già presente con strutture ed impianti

Pubblicata il: 19/10/2016
L'ad ENI ha anche indicato alla sua squadra di esplorazione di concentrarsi su obiettivi vicini ad aree in cui ENI era già presente con strutture ed impianti
Fonte: WWW.AFFARITALIANI.IT

Una nave di perforazione al lavoro a circa 120 miglia al largo della costa egiziana per ENI, in un enorme scrigno di gas naturale che nel luglio 2015 si è rivelato essere la più grande scoperta di sempre nel Mar Mediterraneo e di gran lunga la più grande dall'industria petrolifera mondiale nell'anno. La scoperta, chiamata Zohr, è stata fonte di grande soddisfazione per ENI, che ha rischiato...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK