"Com'è profondo (e tragico) il mare"

Pubblicata il: 28/11/2016
"Com'è profondo (e tragico) il mare"
Fonte: ESPRESSO.REPUBBLICA.IT

Il silenzio eterno degli abissi, le urla invece dei migranti in superficie, i loro guardi persi in direzioni casuali, le lacrime, i sorrisi di chi all'improvviso è consapevole di essere sopravvissuto, la disperazione di un padre che tenta di svuotare i polmoni gonfi d'acqua al figlio, il cielo impastato di nuvole e grigio, le onde [...]

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK