I profughi di Adam Zagajewsk

Pubblicata il: 15/11/2016
I profughi di Adam Zagajewsk
Fonte: PENSAREINUNALTRALUCE.BLOGSPOT.IT

I PROFUGHI Piegati da un peso  che non sempre si vede avanzano nel fango o nella sabbia del deserto, chini, affamati, uomini di poche parole dai pesanti caffettani, adatti a tutte le stagioni, donne vecchie dai volti sciupati che portano qualcosa, un neonato, una lampada - un ricordo- oppure l'ultimo tozzo di pane. Può essere la Bosnia, oggi, la Polonia nel settembre '39, la Francia otto mesi...

Continua a leggere
Notizie correlate
Commenta
FACEBOOK